DIY oat milk (new improved recipe)

(ENG/ITA) Being frugal is more a necessity than a choice lately. With everything that is going on around the world due to the coronavirus, in several countries people report empty shelves in supermarkets and some products getting harder to find. Despite the governments reassuring about the quantity of products being enough for everyone, many people litterally assault shops hoarding as many staples as they can (which is not only unnecessary but very much unfair and unsupportive of the community), making sometimes trips to grocery stores for others absolutely pointless. So in the spirit of trying to contribute as much as I can to flatten the curve, I try to make my own as much as possible while staying at home.

A few weeks back I started making my own oat milk at home again and honestly I don’t know why I dropped this habit back in the day because I love it: cheap, easy, quick, nutritious, low waste. I am currently following a vegan meal plan made by a certified nutritionist to help me improve my eating habits at the moment and plant based milk is of course a part of the plan. While earlier I would consume it every now and then, now I have to always have it on hand if I want to follow my plan properly. After an initial adjustment phase during which I bought plant based milk in cartons from the supermarket, I switched to my homemade one and definitely am not looking back.

In the past I have already shared a recipe for an homemade oat milk here on the blog and I’ve sweared by it and used it religiously for quite a while. But, if I have to be honest, that recipe always turned out to have too much deposit because of the large quantity of oats utilized. Like any other things homemade, it is just a matter of adjusting quantities and ingredients according to your personal preference. That recipe worked out fine for me at the time, but I want something that it is easier and quicker to make and has a consistency much more similar to store-bought plant based milk. So in this blog post I will share a new, improved recipe which is just as easy to make but guarantees better results in my opinion.

Here in Germany oats mostly come packaged in paper and are usually very inexpensive and easy to find, as they are sold for as cheap as 0,50€ for a 500g bag in basically every supermarket. So 1-2 bags can go a long way both in terms of being cheap and low waste.

To make your own easy, quick, low/zero waste and cheap oat milk you’ll need:

  • 4-5 table spoons of oats
  • 500ml of water
  • sweetener of choice like raw sugar, agave syrup, maple syrup (optional)
  • a fine strainer (or preferably a nut-milk mesh bag)
  • an empty glass bottle
  • (Edit: I find that adding a pinch of salt really improves and enhances the flavor!)

Simply put the ingredients into a blender and blend well. Strain well the oat pulp using the mesh bag / strainer (this process will take much less than with the old recipe, as the pulp will be so much less to deal with). Store into a glass bottle in the fridge for up to 3 days. Shake well before each use. Use as you normally would use the oat milk you buy from the grocery store (for breakfast, smoothies, sauces and condiments, or drink on its own).

That’s litterally it! 🙂 What makes this recipe better is to use a lower quantity of oats. This not only requires less product (making your bag of oats last way longer), but it makes the milk thinner in consistency and less slimy, there is much less deposit and it lasts a little longer in the fridge.

The leftover pulp can be added to your porridge or overnight oats, to a smoothie, sauce, hearty dish of choice or used plain as a cleansing face mask (more on this in an upcoming blog post!). Otherwise it can be put in your organic waste bin.

I hope you’ve enjoyed this post, stay tuned for more DIY recipes in upcoming blog posts! In the meantine don’t forget to follow me on Instagram and Facebook to see what I’m up to.
I’ll talk to you soon!
Jen

LATTE D’AVENA FATTO IN CASA (nuova ricetta!)
Ultimamente essere frugali è più una necessità che una scelta. Con tutto quello che sta succedendo in tutto il mondo a causa del coronavirus, in diversi paesi le persone segnalano scaffali vuoti nei supermercati e alcuni prodotti che diventano sempre più difficili da trovare. Nonostante i governi siano rassicuranti sul fatto che la quantità di prodotti sia sufficiente per tutti, molte persone aggrediscono i negozi accumulando quanto piu’ possibile (il che non solo è inutile, ma è anche molto ingiusto e non a sostegno della comunità), rendendo talvolta inutili i viaggi nei negozi di alimentari per gli altri. Così, nello spirito di cercare di contribuire il più possibile ad appiattire la curva, cerco di fare il più possibile a casa mia.

Qualche settimana fa ho ricominciato a fare il mio latte d’avena e onestamente non so perché ho abbandonato questa abitudine in passato, perché mi piace tantissimo: economico, facile, veloce, nutriente, a basso spreco. Attualmente sto seguendo un piano alimentare personalizzato fatto da una nutrizionista certificata per aiutarmi a migliorare le mie abitudini in fatto di cibo, ed il latte vegetale fa naturalmente parte del piano. Mentre prima lo consumavo di tanto in tanto, ora devo averlo sempre a portata di mano se voglio seguire correttamente quanto indicatomi. Dopo aver inizialmente comprato il latte vegano al supermercato mentre cercavo di abituarmi al mio nuovo piano alimentare, sono passata al mio fatto in casa e sicuramente non mi guardo indietro.

In passato ho già condiviso la ricetta di un latte d’avena fatto in casa qui sul blog che ho usato religiosamente per un bel po’. Ma, se devo essere sincera, il latte prodotto con la vecchia ricetta ha sempre avuto troppo deposito a causa della grande quantità d’avena utilizzata. Come tutte le altre cose fatte in casa, si tratta solo di adattare le quantità e gli ingredienti in base alle proprie preferenze personali. Quella ricetta ha funzionato bene per me all’epoca, ma al momento voglio qualcosa che sia più veloce da fare e che abbia una consistenza molto più simile al latte vegetale che si trova in commercio. Quindi in questo post condividerò una nuova ricetta migliorata, altrettanto facile da realizzare, ma che a mio avviso garantisce risultati migliori.

Qui in Germania l’avena viene per lo più venduta in sacchetti di carta e di solito è molto economica e facile da trovare, in quanto viene venduta a soli 0,50€ in confezioni da 500g praticamente in ogni supermercato. Quindi 1-2 sacchetti possono andare molto lontano sia in termini di economicità che di pochi rifiuti.

Per realizzare il vostro latte d’avena facile, veloce, a basso/zero spreco e a basso costo, avrete bisogno di:

  • 4-5 cucchiai di avena
  • 500 ml di acqua
  • dolcificante a scelta come zucchero grezzo, sciroppo di agave, sciroppo d’acero (opzionale)
  • un colino fine (o preferibilmente una retina a maglia fine per il latte vegetale)
  • una bottiglia di vetro vuota
  • (Edit: consiglio di aggiungere un pizzico di sale, aiuta a migliora il gusto del vostro latte di avena!)

È sufficiente mettere tutti gli ingredienti in un frullatore e frullare bene. Scolate la polpa d’avena utilizzando il sacchetto a rete / colino (questo processo richiederà molto meno tempo che con la vecchia ricetta, in quanto ci sarà molta meno polpa residua). Conservate in una bottiglia di vetro in frigorifero per un massimo di 3 giorni. Agitate bene prima di ogni utilizzo. Potete utilizzarlo per prima colazione, frullati, salse e condimenti, o anche da solo.

E questo è tutto! 🙂 Ciò che rende questa ricetta migliore secondo me è l’utilizzo di una quantità molto inferiore di avena. Questo non solo richiede meno prodotto (facendo durare il vostro sacchetto di avena molto più a lungo), ma rende il latte più leggero in consistenza, con meno deposito e che dura un po’ di più in frigorifero.

La polpa avanzata può essere aggiunta al vostro porridge o overnight oats, un frullato, una salsa, un piatto sostanzioso come una zuppa od usata semplicemente come maschera per il viso (maggiori informazioni in un prossimo post!) Altrimenti può essere messa nel vostro bidone dei rifiuti organici.

Spero che questo post vi sia piaciuto, restate sintonizzati per altre ricette fai da te! Nel frattempo non dimenticate di seguirmi anche su Instagram e Facebook.
Ci sentiamo presto!
Jen

Follow:
Share:

Leave a Reply

error: Content is protected !!