Dear 2020…

(ENG/ITA) I’ve been trying for a while to gather my thoughts and tell you how I feel about you. I’m not quite sure yet where I’m going with this post, I’ll just try to let my heart speak for me.

It almost feels impossible that we’ve spent already 365 days traveling around the sun. Like for anything that comes to an end whilst something new is slowly coming our way, it feels both weird, exciting, scary. And here we are, ready to say farewell. You’ve been a heck of a year. A year that none of us will be able to forget.
You’ve been throwing challenges on our paths that we could never imagine, let alone handle. You’ve put our whole worlds, beliefs, habits, certainties upside down.
And yet, there is probably no other year that can be significant and life changing like you. During these past 12 months I’ve kept thinking way too much that I’ve lost time. That I’ve missed on opportunities, memories, experiences. It is hard to process everything you have brought to all of us. But only by feeling uncomfortable we can eventually grow and evolve, create change, have a positive impact: so as much as it sounds odd, I choose not to look at the missed opportunities but to focus on the unexpected opportunities you gave me.

I’ve never been good at lists. Maybe because I tend to forget easily and when I’m “under pressure” I can’t think of things quickly. But I’m going to try. And without a doubt I can tell that you have taught me something precious.

You taught me how important it is to focus on my own actions and thoughts, ’cause those and only those are the ones I have control over, not other people’s.
You taught me more than ever that we don’t have to be all activists to save the world, but sustainability isn’t simply something that can be confined to a trash jar or can be compartmentalized.
You taught me that the path towards a healthier, better relationship with food is something I really need to work on for a long time, because years and years of unhealthy eating habits and of considering food as “an understanding friend” can’t be erased overnight, especially during times when a lot of stress and pressure coming from different outside factors.
You taught me that labels aren’t always necessarily something that can be useful, because tight descriptions might constrict me too much instead f letting me grow, change and be as I wish and like.
You taught me that social media are toxic for me and the less I make myself busy with it, the better it is for my mood and my mental health.
You taught me that creativity is something that bubbles and fizzles within me but I have to yet understand how to channel it properly. And that’s okay. You also taught me that I deeply enjoy the creative process of videos, so much that you made me pick up the camera to film again and make me lose myself into the beautiful creative flow of video editing.
You taught me more than ever that plans do not always go as we wish. Because nothing is meant to stay exactly as it is forever. And when plans don’t go as planned, this doesn’t mean that everything is meant to go to shit. Things can change anytime anywhere, putting our flimsy balance at stake: letting go of our certainties and comforts is always hard, but even when it doesn’t seem like it, if we are able to adapt quickly to the new “status quo” we can work things out.
You taught me that I couldn’t care less of watching (let alone posting) 3537466374 Instagram stories a day, because time is valuable and I want to be able to use it for meaningful things instead of always complaining that I don’t have enough time for the things I care about.
You taught me more than ever than books can be a comfort, a delight, a way to escape reality, a relief, a friend, a way to establish and reinforce relationships, a stress managing habit and so much more. And also that reading more than 30 books in a year is completely doable.
You taught me that authenticity and transparency are gifts that are becoming more and more rare to find and build, because everyone can claim everything they want, but very few people are able to put their actions where their mouth is. But luckily, once you are able to build for yourself and find in others that authenticity, something beautiful and enriching can happen: learning from each other and share perspectives.
You taught me that I am a sociopathic. Or wait, let’s not make it derogatory. You taught me that I am not lonely if I am alone, because I am a strong person that can rely on herself during hard times. You also taught me that the fact that I am an introvert doesn’t make me a weirdo, but simply someone who gives extreme value to her own “me-time”.
You taught me that I hate my phone and the fact that by having one these days, people automatically assume that I can be always reachable. You also taught me that very few relationships are the ones who truly matter, and luckily these can survive the fact that I am not much of a phone person.
You also taught me that I can survive anything, even if most of time I am convinced of the exact contrary.
You taught me that not being able to travel, go to concerts, go to events, meet friends whenever I like etc. can be a hard pressure for my mental health, because those are my ways of coping with reality and reconnecting with my true, lighthearted self. But you also taught me that there are other ways through which I can do so: everyday offers beautiful things, but they only look beautiful if I am able to see them as such. The smell of coffee in the morning, breathing in the clean air when I walk outside, cuddling my cat, a sincere smile, go to a flea market: these are some of the things that gave me contentment and happiness despite their own ordinary simplicity.
You taught me that I need to be nicer to myself and give myself permission to fuck up, to be lazy, to go slow, to leave that to do list partly undone. That slowing down isn’t a luxury but a necessity.
You taught me that I need to listen to myself, my needs, my body, my brain my heart, my mental health. Because people pleasing never helped anyone in the long run.
You taught me that love is something that needs to be nourished and taken care of every. single. day. When it comes to love, nothing can be taken for granted. You also taught me though that pure love exists and it comes with a black furry coat and big lively green eyes.

Despite everything and because of everything, thank you 2020.

And to all of you reading this: I hope you have a fantastic 2021. Not perfect and flawless, but full, rich, with plenty of ups and downs. Because only when we go through a hard patch we are able able to appreciate more the good things.

Take good care of yourself, always. xoxo

Caro 2020….

È da un po’ di tempo che cerco di raccogliere i miei pensieri per condividere con te alcune riflessioni. Non so ancora bene dove andrò a parare con questo post, cercherò di lasciare che sia il mio cuore a parlare per me.

Sembra quasi impossibile che abbiamo già trascorso 365 giorni attorno al sole. Come per tutto ciò che finisce mentre qualcosa di nuovo si avvicina, è strano, eccitante, spaventoso. Ed eccoci qui, pronti a dire addio. Sei stato un anno incredibile in ogni senso. Un anno che nessuno di noi potrà dimenticare.
Hai lanciato sul nostro cammino sfide che non avremmo mai potuto immaginare, figuriamoci gestire. Hai messo sottosopra tutto il nostro mondo, le nostre convinzioni, le nostre abitudini, le nostre certezze.
Eppure, probabilmente non c’è un altro anno che possa essere significativo e quanto te. In questi ultimi 12 mesi ho pensato fin troppe volte che ho perso tempo. Che ho perso opportunità, ricordi, esperienze. Ad essere sincera è davvero difficile elaborare tutto quello che hai portato a tutti noi. Ma solo sentendoci a disagio possiamo, alla fine, crescere, evolvere, cambiare: per quanto possa sembrare strano, ho scelto di non guardare alle opportunità mancate, ma di concentrarmi invece sulle opportunità inaspettate che mi hai dato.

Non sono mai stata brava con le liste. Forse perché tendo a dimenticare le cose facilmente e quando sono “sotto pressione” non riesco a pensare velocemente ed in modo metodico. Ma ci provo. E posso dire senza dubbio che mi hai insegnato qualcosa di prezioso.

Mi hai insegnato quanto sia importante che io mi concentri sulle mie azioni ed i miei pensieri, perché su quelli e solo quelli ho il controllo, non su quelli altrui.
Mi
hai insegnato più che mai che non dobbiamo essere tutti per forza degli attivisti per salvare il mondo, ma anche che la sostenibilità non è semplicemente qualcosa che può essere confinata ad un semplice barattolino dei rifiuti o che può essere compartimentalizzata.
Mi hai insegnato che il percorso verso un rapporto più sano e migliore con il cibo è qualcosa su cui ho davvero bisogno di lavorare a lungo, perché anni e anni di abitudini alimentari malsane e di considerare il cibo come “un amico comprensivo” non possono essere cancellati da un giorno all’altro, soprattutto in momenti di forte stress e pressione provenienti da diversi fattori esterni.
Mi hai insegnato che le etichette non sono sempre necessariamente qualcosa che può essere utile, perché descrizioni troppo strette potrebbero costringermi troppo, invece di lasciarmi crescere, cambiare ed essere come voglio e come mi piace.
Mi hai insegnato che i social media sono tossici per me e meno mi ci dedico, meglio è per il mio umore e la mia salute mentale.
Mi hai insegnato che la creatività è qualcosa che frigge costantemente dentro di me, ma devo ancora capire bene come incanalarla correttamente. E va bene. Ma mi hai anche insegnato che mi piace molto il processo creativo del fare video, tanto che mi hai fatto riprendere in mano la videocamera e mi hai fatto perdere nel bellissimo flusso creativo del montaggio.
Mi hai insegnato più che mai che i piani non sempre vanno come vorremmo. Perché niente è destinato a rimanere esattamente com’è per sempre. E quando i piani non vanno come previsto, questo non significa che tutto è destinato ad andare a fan%#&o. Le cose possono cambiare in qualsiasi momento ed ovunque, mettendo in gioco il nostro fragile equilibrio: lasciare andare le nostre certezze e le comodità è sempre difficile, ma anche quando non sembra, se riusciamo ad adattarci rapidamente al nuovo “status quo” possiamo risolvere le cose e padroneggiarle.
Mi hai insegnato che non me ne potrebbe fregare di meno di guardare (figuriamoci di postare) 3537466374 storie su Instagram al giorno, perché il tempo è prezioso e voglio poterlo usare per cose significative, invece di lamentarmi sempre di non avere abbastanza tempo per le cose a cui tengo.
Mi hai insegnato più che mai che i libri possono essere un conforto, una delizia, un modo per fuggire dalla realtà, un sollievo, un amico, un modo per stabilire e rafforzare le relazioni, un modo per gestire lo stress e molto altro ancora. E anche che leggere più di 30 libri in un anno è completamente fattibile, basta volerlo.
Mi hai insegnato che l’autenticità e la trasparenza sono doni sempre più rari da trovare e da costruire, perché ognuno può rivendicare tutto ciò che vuole, ma poche persone sono in grado di mettere le proprie azioni dove mettono le proprie parole. Ma per fortuna, una volta che sei in grado di costruire per te stesso e di trovare negli altri quell’autenticità, può accadere qualcosa di bello e di arricchente: imparare gli uni dagli altri e condividere prospettive.
Mi hai insegnato che sono una sociopatica. Anzi aspetta, non facciamone una cosa dispregiativa. Mi hai insegnato che non mi sento sola se sono sola, perché sono una persona forte che può contare su se stessa nei momenti difficili. Mi hai anche insegnato che il fatto che io sia un’introversa non fa di me una stramba, ma semplicemente una persona che dà un valore immenso al proprio “tempo per sé”.
Mi hai insegnato che odio il mio telefono ed il fatto che, avendone uno, di questi tempi la gente suppone automaticamente che io possa essere sempre raggiungibile. Mi hai anche insegnato che poche relazioni sono quelle che contano veramente, e per fortuna queste possono sopravvivere al fatto che non sono una persona che ama usare il telefono e starci sempre attaccata.
Mi hai anche insegnato che posso sopravvivere a qualsiasi cosa, anche se il più delle volte sono convinta del contrario.
Mi hai insegnato che non poter viaggiare, andare ai concerti, andare agli eventi, incontrare amici quando mi pare e piace ecc. può creare una fortissima pressione sulla mia salute mentale, perché questi sono i miei modi di decomprimere la realtà e di riconnettermi con il mio vero io spensierato. Ma mi hai anche insegnato che ci sono altri modi attraverso i quali posso farlo: ogni giorno offre cose belle, ma sono belle solo se io sono in grado di vederle come tali. L’odore del caffè al mattino, la freschezza dell’aria pulita quando vado fuori, le coccole al mio gatto, un sorriso sincero, andare al mercato delle pulci: queste sono alcune delle cose che mi hanno dato soddisfazione e felicità nonostante la loro ordinaria semplicità.
Mi hai insegnato che devo essere più gentile con me stessa e darmi il permesso di fare cazzate, di essere pigra, di andarci piano, di lasciar perdere, anche solo in parte, le mie mille liste di cose da fare. Perché rallentare non è un lusso ma una necessità.
Mi hai insegnato che ho bisogno di ascoltare me stessa, i miei bisogni, il mio corpo, il mio cervello, il mio cuore, la mia salute mentale. Perché fare qualcosa solo per fare piacere agli altri non ha mai aiutato nessuno a lungo termine, e tantomeno aiuterà me.
Mi hai insegnato che l’amore è qualcosa che ha bisogno di essere nutrito e curato ogni singolo giorno. Quando si tratta di amore, niente può essere dato per scontato. Mi hai anche insegnato però che l’amore puro esiste e si presenta con un cappottino di pelo nero e grandi occhi verdi vivaci.

Nonostante tutto e per tutto, grazie 2020.

E a tutti voi che leggete questo post: spero che abbiate un fantastico 2021. Non perfetto e senza intoppi, ma pieno, ricco, vario, autentico, con molti alti e bassi. Perché solo quando si passa un periodo difficile si riescono ad apprezzare di più le cose belle.

Prendetevi cura di voi, sempre. xoxo

Follow:
Share:

Leave a Reply

SUBSCRIBE TO THIS BLOG VIA EMAIL - SEGUI QUESTO BLOG VIA MAIL

Join 348 other subscribers