Why you should stop buying fast fashion (as a privileged person).

(ENG/ITA) privilege noun  /ˈprɪvəlɪdʒ/ /ˈprɪvəlɪdʒ/

  1.  [countable] a special right or advantage that a particular person or group of people has
  2. [uncountable] (disapproving) the rights and advantages that rich and powerful people in a society have
    (Source: Oxford Learner‘s Dictionary)

To have a privilege or to be in a privileged position automatically implies that someone is suffering due to our advantage. Privilege for someone implies a disadvantage, imbalance or inequality for someone else.

And what if I told you that your wardrobe plays a role in all of this? But first, let me take a little step back.

Rana Plaza, April 24th 2013.

Rana Plaza was a building complex in Bangladesh that housed various garment factories, employing around 5,000 people. 8 years ago today, on April 24th 2013, the Rana Plaza building collapsed, killing 1134 people and injuring over 2500. They were all working as garment workers manufacturing clothing for many of the biggest global fashion brands. Rana Plaza’s collapse was the fourth largest industrial disaster in history and the biggest disaster in the fashion industry. The victims were mostly young women.

This tragedy was preventable: the building was hazardous, full of cracks, and many were afraid for their lives. But the capitalist system we currently live in and the insatiable demand for new fashion trends every week made the working operations go on as usual, despite the obvious danger.

This huge disaster started to bring to the spotlight issues such as brands’ transparency, fair living wages and working conditions, production chains, safety of the materials utilized for the production (such as fabrics, dies, etc.), environmental impact of the whole production cycle and such. This is where the global Fashion Revolution movement was born.

Outsourcing and the lack of transparency

Globalization and mass production has commonly created a business model where big brands and retailers do not own and produce directly into their manufacturing facilities, but subcontract the manufacturing to factories in the so called “Global South” (for example countries like China, Bangladesh, Myanmar, Cambodia, Vietnam, India), to cut down the costs as much as possible. These countries are usually chosen because of their cheap labor and the lack of protection for workers. This business model is called outsourcing and since the 80s it has been basically the main operational system for the biggest fashion retailers around the world. This system makes the production chain very cheap but also much more complex and much more difficult to track.

When going into a store to buy a t-shirt or a pair of pants we have to keep in mind that that piece of garment took many different steps to get to us in the store: from the design, to sourcing the fabric, to the dye, the sewing, the shipping to various stores and online stores all across the world. When a garment is handmade or made locally, it is easy and immediate to reconstruct its journey to get to our wardrobe. But when a garment requires these many steps, the majority of which doesn’t even happen under the eyes of the brand itself, how can we reconstruct its journey? It’s basically impossible.

Moreover, there’s another factor that comes into play: fast fashion.

What is fast fashion?

Fast fashion is a design, manufacturing and marketing model that aims to produce very large quantities of garments very quickly by spending as little as possible. The aim of the so called fast fashion brands is to bring into stores new garments every week or as quickly as possible (this is where the “fast” comes from) by making it cheap, not only for the customers to buy but also, and of course especially, for the brand itself to produce. The cheap prices and the continuous updates with the latest trends entice costumers to buy more and more and more, creating needs that they didn’t even had.

How are companies able to cut the costs so much and make the manufacturing so quick, you ask? By stealing original designs from other retailers or, more often than not, from small, less known designers to whom they give zero credit. By subcontracting the production to suppliers on the other side of the world in factories that they never even visited. By paying workers not even a minimum wage. By cutting on safety measurements that could ensure the workers a healthy and safe environment to work in. By using cheaper manufacturing so that garments won’t last as much and will need to be replaced more often. By harassing and using violence on those workers (mainly females) to force them to work up to 18 hours a day with almost no break, every day. By not caring about the environmental impact of their manufacturing and using the cheapest, most toxic and polluting solutions. And Covid-19 made things even worse, as many fast fashion brands refused to pay suppliers and garment workers for products who were already commissioned and manufactured but that the brands couldn’t sell because of lockdowns.

No to mention that unsold stock usually gets burned, sent to the landfill or given to already overflowing charity shops. And this affects poor countries too: the import of second hand clothes from rich countries deeply damages the local manufacturers. Moreover, the ever increasing waste produced in rich countries gets sent to developing countries as if they were their landfills. Which brings me back to that previous point: privilege vs. disadvantage.

Using your privilege to make better choices

All of the above are the reasons why I firmly believe that those who are in a position of privilege should CHECK THEIR PRIVILEGE and do something about it. Do something about it means to acknowledge it, understand it, and act in a way so that that privilege can be flattened out a little. In this specific case, how?

  • holding brands accountable and asking for real answers on their business model and production chain
  • buying less
  • using what’s already in our wardrobe and taking good care of it
  • thinking well before buying something
  • buying second hand, pre-owned, vintage
  • repairing instead of throwing away
  • learning more on the topic (books, articles, blogs, documentaries etc.) and spreading awareness
  • buying from ethical-sustainable brands, when possible
  • supporting local shops and brands, when possible

(read more here: How can we change the future of fashion? A complete guide for Fashion Revolutionaries )

Being able to boycott fast fashion though is a privilege itself

I used to have very poor judgement as I used to think that it was simply a matter of black or white: either you boycott fast fashion or not. Either you care or not. Either you buys sustainable or not. And that “all-or-nothing” mindset, I would apply it to everything. I was wrong, deeply wrong. Over the course of the past few years though, I started realizing that between that black and that white there’s a whole world in between. There are many different factors that play a role in someone’s life: gender, race, social class, health, physical and mental ability, sexual orientation, and more. So there is definitely no “one-size-fits-all” approach. An “all-or-nothing” approach like the one I used to have was not at all considerate of those factors. Because I check most of the boxes when it comes to “being privileged”: I am white, straight, physically and mentally abled, I identify with the gender I was born with, I come from the rich part of the world, I could afford an education, I have a job that supports me financially, I have freedom of speech and action, I live in a city that offers me a variety of options I can choose from, I have access to all sorts of information, and so much more. And despite my constant self body shaming and somewhat fluctuating weight, I still fall into what is considered “a regular size”. I CAN choose.

A lot of people don’t have that option. Just think about how ethical-sustainable fashion is out of reach for many because of the prices, or that the selection of second-hand clothes for overweight people is really limited. Buying from Primark & co. for many is not a choice, but a necessity.

But those who have the ability and freedom to choose should do so consciously, so that those who have no choice can suffer a little less.

So, next time you want to buy something and have the freedom to make a choice ask yourself: “is my wardrobe worth someone else’s life or pain?”

Ecco perché dovresti smettere di comprare fast fashion (in quanto persona privilegiata)

privilegio [pri-vi-lè-gio] n.m.
diritto, vantaggio particolare di cui gode qualcuno rispetto ad altri (fonte:
Garzanti Linguistica)

Avere un privilegio o essere in una posizione privilegiata implica automaticamente che qualcuno sta soffrendo a causa del nostro vantaggio. Il privilegio per qualcuno implica uno svantaggio, uno squilibrio o una disuguaglianza per qualcun altro.

E se ti dicessi che il tuo guardaroba gioca un ruolo in tutto questo? Ma prima, lasciatemi fare un piccolo passo indietro.

Rana Plaza, 24 Aprile 2013.

Rana Plaza era un complesso edilizio in Bangladesh che ospitava diverse fabbriche di abbigliamento, impiegando circa 5.000 persone. 8 anni fa oggi, il 24 aprile 2013, l’edificio Rana Plaza è crollato, uccidendo 1134 persone e ferendone oltre 2500. Lavoravano tutti come operai tessili che producevano vestiti per alcuni dei più grandi marchi della moda globale. Il crollo del Rana Plaza è stato il quarto più grande disastro industriale della storia e il più grande disastro nell’industria della moda. Le vittime erano soprattutto giovani donne.

Questa tragedia era evitabile: l’edificio era pericolante, pieno di crepe, e molti temevano per la loro vita. Ma il sistema capitalista in cui viviamo attualmente e la domanda insaziabile di nuove tendenze di moda ogni settimana hanno fatto sì che le operazioni di lavoro continuassero come al solito.

Questo enorme disastro ha iniziato a portare sotto i riflettori questioni come la trasparenza dei marchi, i salari equi e le condizioni di lavoro, le catene di produzione, la sicurezza dei materiali utilizzati per la produzione (come tessuti, colazioni, ecc.), l’impatto ambientale dell’intero ciclo produttivo e così via. Da qui è nato il movimento globale Fashion Revolution.

La delocalizzazione della produzione e la mancanza di trasparenza

La globalizzazione e la produzione di massa hanno comunemente creato un modello di business in cui i grandi marchi e i rivenditori non possiedono e producono direttamente nei loro impianti di produzione, ma subappaltano la produzione a fabbriche nel cosiddetto “Sud globale” (per esempio paesi come Cina, Bangladesh, Myanmar, Cambogia, Vietnam, India), per ridurre i costi il più possibile. Questi paesi sono di solito scelti per la loro manodopera a basso costo e la mancanza di protezione dei lavoratori. Questo modello di delocalizzazione della produzione dagli anni ’80 in poi è stato il principale sistema operativo per i più grandi rivenditori di moda di tutto il mondo. Questo sistema rende la catena di produzione molto economica ma anche molto più complessa e molto più difficile da tracciare.

Quando entriamo in un negozio per comprare una maglietta o un paio di pantaloni dobbiamo tenere a mente che quell’indumento ha impiegato molto tempo e molti passi diversi per arrivare a noi nel negozio: dal disegno, al reperimento del tessuto, alla tintura, alla cucitura, alla spedizione ai vari negozi e agli store online in tutto il mondo. Quando un capo è fatto a mano o in loco, è facile e immediato ricostruire il suo percorso per arrivare al nostro guardaroba. Ma quando un capo richiede così tanti passaggi, la maggior parte dei quali non avviene nemmeno sotto gli occhi del brand stesso, come possiamo ricostruire il suo percorso? È praticamente impossibile.

Inoltre, c’è un altro fattore che entra in gioco: il fast fashion.

Che cos’è il fast fashion?

Il fast fashion è un modello di design, produzione e marketing che mira a produrre molto velocemente grandi quantità di capi spendendo il meno possibile. L’obiettivo dei cosiddetti marchi di fast fashion è quello di portare nei negozi nuovi capi ogni settimana o nel più breve tempo possibile (da qui il “fast”) rendendo il prodotto molto economico non solo per i clienti da acquistare, ma anche e soprattutto, per il marchio stesso da produrre. I prezzi molto bassi ed i continui aggiornamenti dei negozi con le ultime tendenze invogliano i clienti a comprare sempre di più e sempre di più, creando bisogni che non avevano nemmeno.

Ma come fanno le aziende a tagliare i costi così tanto e a rendere la produzione così veloce? Rubando disegni originali da altri rivenditori o, il più delle volte, da piccoli designer meno conosciuti a cui non danno alcun credito. Subappaltando la produzione a fornitori dall’altra parte del mondo in fabbriche che non hanno mai nemmeno visitato. Pagando ai lavoratori nemmeno il minimo salariale. Tagliando le misure di sicurezza che potrebbero garantire agli operai un ambiente di lavoro sano e sicuro. Usando una produzione scadente cosicché gli indumenti durino poco nel tempo e debbano essere sostituiti spesso. Molestando ed esercitando violenza sugli operai facendoli lavorare fino a 18 ore al giorno senza quasi nessuna pausa, tutti i giorni. Non curandosi dell’impatto ambientale della loro produzione e usando le soluzioni più economiche, tossiche ed inquinanti. E la pandemia ha soltanto peggiorato le cose, poiché tanti marchi del fast fashion si sono rifiutati di pagare gli operai per i prodotti che erano già stati commissionati e fabbricati ma che i marchi non potevano vendere a causa dei lockdown.

Senza contare poi che lo stock invenduto di solito viene bruciato, mandato in discarica o dato a negozi di beneficenza già stracolmi. E questo colpisce anche i paesi poveri: l’importazione di vestiti di seconda mano dai paesi ricchi danneggia profondamente il settore della moda locale. I paesi ricchi trattano i paesi più poveri come se fossero le loro discariche. Il che mi riporta al punto precedente: privilegio contro svantaggio.

Usare il proprio privilegio per fare scelte più consapevoli

Queste sono le ragioni per cui credo fermamente che coloro che sono in una posizione di privilegio dovrebbero RICONOSCERE IL PROPRIO PRIVILEGIO e fare qualcosa al riguardo. Fare qualcosa significa ammetterlo, capirlo ed agire in modo che quel privilegio possa essere appiattito un po’. In questo caso specifico, come?

  • ritenendo i marchi responsabili e pretendendo risposte concrete
  • comprando meno
  • usando ciò che è già nel nostro guardaroba ed avendone cura
  • pensando bene prima di comprare qualcosa
  • comprando di seconda mano, usato, vintage
  • riparando invece di buttare via
  • imparando di più sull’argomento (libri, articoli, blog, documentari ecc.) e parlandone con altr*
  • ritenendo i brand responsabili di ciò che fanno e pretendendo risposte
  • comprando da marche etico-sostenibili, quando possibile
  • sostenendo negozi e marchi locali, quando possibile

Essere in grado di boicottare il fast fashion, però, è di per sé un privilegio

Tempo fa avevo scarsa capacità di giudizio in materia perché pensavo che fosse semplicemente una questione di bianco o nero: o si boicotta il fast fashion o no. O ti importa o non ti importa. O compri sostenibile o no. E questa mentalità “tutto o niente” la applicavo a tutto. Ma mi sbagliavo, profondamente. Nel corso degli ultimi anni, però, ho iniziato a capire che tra quel nero e quel bianco c’è tutto un mondo in mezzo. Ci sono molti fattori diversi che giocano un ruolo nella vita di qualcuno: sesso, razza, classe sociale, salute, abilità fisiche e mentali, orientamento sessuale e altro. Quindi non c’è sicuramente un approccio “unico per tutt*”. Un approccio “tutto-o-nulla” come quello che avevo prima non teneva affatto conto di questi fattori. Perché io spunto la maggior parte delle caselle quando si tratta di “essere privilegiat*”: sono bianca, etero, fisicamente e mentalmente abile, mi identifico con il genere con cui sono nata, vengo dalla parte agiata del mondo, ho potuto permettermi un’istruzione, ho un lavoro che mi sostiene finanziariamente, ho libertà di parola e di azione, vivo in una città che mi offre una varietà di opzioni tra cui scegliere, ho accesso ad ogni tipo di informazione, e molto altro ancora. E nonostante il mio costante body shaming ed il mio peso un po’ fluttuante, rientro ancora in quella che è considerata “una taglia regolare”. Insomma, POSSO scegliere.

Moltissime persone non hanno questa possibilità. Basti pensare che la moda etico sostenibile è al di fuori della portata di molti per via dei prezzi, o che la disponibilità (e selezione) di abiti di seconda mano per persone sovrappeso sia veramente molto limitata. Comprare da Primark & co. per tanti non è una scelta, ma una necessità.

Ma coloro che hanno la possibilità e la libertà di scegliere dovrebbero farlo in maniera consapevole, cosicché coloro che non hanno scelta possano soffrire un po’ meno.

Quindi, la prossima volta che volete comprare qualcosa ed avete la possibilità di fare una scelta chiedetevi: “il mio guardaroba vale la vita o la sofferenza di qualcun altro?”

Follow:
Share:

Leave a Reply

SUBSCRIBE TO THIS BLOG VIA EMAIL - SEGUI QUESTO BLOG VIA MAIL

Join 349 other subscribers

error: Content is protected !!