Let’s talk about relationships. A minimalist’s point of view

(ENG/ITA) Minimalism only partly has to do with our material belongings. It’s the personal / emotional / psychological part that really counts, belongings are just the starting point.

Lately I have been thinking about relationships a lot and how big of a role they play or can play in someone’s life. Human beings are social animals by nature, so relationships are at the core of our existence. We have relationships all the time, every day: people we work with, people we live with, people we have a love relationship with, people we are friends with, people we share interests with and spend our time gladly with, people we are related with, people we live close to, and so on. We all are someone’s friend, spouse or significant other, sibling, parent, child, family member, acquaintance, co-worker.

None of us lives as a hermit. As I see it, we all need relationships. Even the biggest introvert needs them. But if we want to thrive, we don’t need just any relationship. To thrive we need healthy, meaningful relationships.

We need to feel the freedom to be ourselves with the people we surround ourselves with, we need to be able to speak our mind freely without the fear of being judged, we need to share. Share meals together, experiences, feelings, catch ups over a drink or coffee, nice gestures, smiles, challenges, common interests or points of view. We need love, kindness, understanding, compassion, trust and respect. We need all of the above so we can give it back to those around us. We need people who enrich our life and that push us to be our better selves all the time so that we are able to do the same for them, in a beautiful harmony of giving and receiving. And not because everything needs to be put on a scale to exactly measure who did what and how often, but because relationships work when both parts are willing to be involved in it and contribute to it.

Whoever doesn’t treat us with respect and love, whoever doesn’t respect us, our needs and our boundaries deserves no place in our life. Loving someone is not an excuse big enough to allow yourself becoming a worse version of yourself when you’re around them. Convenience isn’t either. As painful as it might be to let some relationships go, ultimately it is the right thing to do. Keep on spreading yourself too thin to please everyone, people who don’t respect your boundaries and don’t encourage you to be better but rather to lower your standards so you can please them, well… it definitely doesn’t work in the long term.

Minimalist principles that can be applied to relationships:

  • less is more. Quality over quantity, always. It’s better to surround ourselves with less people that have a more positive impact rather than a lot of people with whom we only share superficial connections.
  • mindfulness, being present and valuing experiences. Relationships work because both parts are willing to contribute to it: being there for each other, valuing each other’s time and presence and sharing time and experiences together is a core element of a healthy, meaningful relationship. Relationships need intentionality.
  • been real, open and honest about who you are and what your core values are. Communication is key: being open and real about what we want and sharing it with others can help us being better and therefore can help us improve the quality of our relationships.
  • let go of anything that doesn’t serve you well. Any toxic behavior, red flag, violation of boundaries is a clear signal that something doesn’t work. If trying to communicate our feelings in an honest, respectful way doesn’t help overcome problems within a relationship, is time to let go of it and move forward.

“People who do not add any value to your life deserve no place in it. Simple. We waste so much of our time seeking validation from others, without realizing that everything we need exists already in ourselves. If you’re lowering your standards to let someone into your life, dump them. Lowering your standards means that you are compromising your boundaries.”

Florence Given “Women don’t owe you pretty”

So, is it wrong, harsh or selfish to think relationships in these terms? NO. Because you can’t keep on pouring from an empty cup. You need someone who can help refill your cup when you need it the most and heck yeah who make sure that your cup is always full.

We shouldn’t have a relationship with someone because we feel like we’re lacking of something or because it is convenient to us. We should be able to understand that we exist as a whole and that relationships are those things that make our life richer, but they shouldn’t be shaping it and who we are.

Whenever we start putting less time and energy into relationships who aren’t meaningful, valuable understanding and supportive, we’ll have more time and energy for those who are. And more time and energy with the most important relationship of all: the one with ourselves.

EDIT, 06th May 2021. After a brief exchange of messages with a dear follower on this topic on Instagram, I’ve decided to add a little annotation to this post. By no means this post was meant to be offensive, harsh or inconsiderate of your feelings and I’m sorry if it came out that way. I thought about what to write for so long and still this post didn’t turn out the way I wanted it to be. Mine doesn’t want to be an all-or-nothing approach and it is a personal perspective due to personal experience, some of which very recent. Relationships are not all at all just black and white, but there are many different shades in between as every relationship is unique and the result of complex dynamics. Probably I should have stressed more the importance of communication and mutual efforts to make things work in a relationship when you care about someone. I repeat: by no means I meant that relationships should be put on a scale to measure how much each part is contributing to it. BUT. If after efforts and attempts there are still bumps and cracks that cannot be fixed, I believe it is every person’s right to walk away from that relationship if that turns out to be painful, toxic, hard to manage or simply a “chore” rather than something we do out of love. During my years abroad I’ve seen old relationships flourish despite the distance, new relationships rise and some of them vanish or, inevitably, change. Some of it was a natural consequence of my choice to move and my lifestyle changes (and yes, I am not ashamed of telling that I have lost contact with people I didn’t have much to receive and give to in the first place) but some of it was very painful and trust me, still is and will be. I even have some family members who have deliberately chosen not to speak with me anymore and all of of this without talking to me first about it (it’s been 2,5 years now) and, considered all the facts, I’ve accepted what it is and moved on. Despite the pain discomfort and maybe, who knows, even regret I might experience, I know that right here right now this is how I want my relationships to be. Like I said, maybe it’s because I’m doing a lot of self discovery lately and working hard on self growth, but I am giving priority to myself first so I can be better for myself and for those around me. I hope you can understand this. xoxo, Jen.

source: Unsplash

Parliamo di relazioni: un punto di vista minimalista.

Il minimalismo ha a che fare solo in parte con i nostri beni materiali. È la parte personale / emotiva / psicologica che conta davvero, gli oggetti sono solo il punto di partenza.

Ultimamente ho pensato molto alle relazioni e a quanto grande sia il ruolo che giocano o possono giocare nella vita di ognuno. Gli esseri umani sono animali sociali per natura, quindi le relazioni sono al centro della nostra esistenza. Abbiamo relazioni tutto il tempo, ogni giorno: persone con cui lavoriamo, persone con cui viviamo, persone con cui abbiamo un legame amoroso, persone con cui siamo amici, persone con cui condividiamo interessi e con cui passiamo volentieri il nostro tempo, persone con cui siamo imparentati, persone che vivono vicino a noi, e così via. Tutti noi siamo amic*di qualcuno, coniug* o partner, genitori, figli, membri della famiglia, conoscent*, colleg* di qualcuno.

Nessuno di noi vive da eremita. Per come la vedo io, tutti abbiamo bisogno di relazioni. Anche il più grande degli introversi ne ha bisogno. Ma se vogliamo prosperare, non abbiamo bisogno di relazioni qualsiasi. Per prosperare e vivere bene abbiamo bisogno di relazioni sane e significative.

Abbiamo bisogno di sentirci liberi di essere noi stessi con le persone di cui ci circondiamo, abbiamo bisogno di poter parlare liberamente senza la paura di essere giudicati, abbiamo bisogno di condividere. Condividere pasti insieme, esperienze, sentimenti, chiacchierate davanti ad un drink o ad un caffè, gesti gentili, sorrisi, sfide, interessi comuni o punti di vista. Abbiamo bisogno di amore, gentilezza, comprensione, compassione, fiducia e rispetto. Abbiamo bisogno di tutto questo per poterlo restituire a chi ci circonda. Abbiamo bisogno di persone che arricchiscano la nostra vita e che ci spingano ad essere sempre migliori, in modo che noi possiamo fare lo stesso per loro, in una bella armonia di dare e ricevere. E non perché tutto debba essere messo su una bilancia per misurare esattamente chi ha fatto cosa e quanto spesso, ma perché le relazioni funzionano quando entrambe le parti sono disposte ad essere coinvolte e a contribuire.

Chi non ci tratta con considerazione, chi non rispetta noi, i nostri bisogni ed i nostri limiti non merita un posto nella nostra vita. Amare qualcuno non è una scusa abbastanza grande per permettervi di diventare una versione peggiore di voi stess* quando siete loro vicino. E nemmeno la convenienza o “la comodità” lo è. Per quanto possa essere doloroso lasciare andare alcune relazioni, alla fine è la cosa giusta da fare. Continuare a sparpagliarsi troppo per compiacere tutti, persone che non rispettano i vostri limiti e non vi incoraggiano ad essere migliori ma piuttosto ad abbassare i vostri standard in modo da poterli compiacere, beh… sicuramente non funziona nel lungo termine.

Principi minimalisti che possono essere applicati alle relazioni:

  • meno è meglio. La qualità supera la quantità, sempre. È meglio circondarsi di meno persone che hanno un impatto più positivo su di noi anziché circondarsi di molte persone con cui abbiamo solo connessioni superficiali.
  • mindfulness, essere presenti e valorizzare le esperienze. Le relazioni funzionano perché entrambe le parti sono disposte a contribuirvi: essere presenti l’un* per l’altr*, valorizzare il tempo e la presenza di ciascun* e condividere tempo ed esperienze insieme è un elemento centrale di una relazione sana e significativa.
  • essere reali, aperti e onesti su chi siete e su quali sono i vostri valori fondamentali. La comunicazione è l’essenziale: essere aperti e reali su ciò che vogliamo e condividerlo con gli altri può aiutarci ad essere migliori e quindi può aiutarci a migliorare la qualità delle nostre relazioni. Le relazioni necessitano di intenzionalità.
  • lasciate andare tutto ciò che non vi serve. Qualsiasi comportamento tossico, qualsiasi bandiera rossa, qualsiasi violazione dei confini personali è un chiaro segnale che qualcosa non funziona. Se cercare di comunicare i nostri sentimenti in modo onesto e rispettoso non aiuta a superare i problemi all’interno di una relazione, è il momento di lasciar perdere e andare avanti.

“Le persone che non aggiungono alcun valore alla tua vita non meritano alcun posto in essa. Semplice. Sprechiamo così tanto del nostro tempo a cercare validazione dagli altri, senza renderci conto che tutto ciò di cui abbiamo bisogno esiste già in noi stessi. Se stai abbassando i tuoi standard per far entrare qualcuno nella tua vita, scaricalo. Abbassare i tuoi standard significa che stai compromettendo i tuoi confini”.

Florence Given “Women don’t owe you pretty”

Quindi, è sbagliato, crudele o egoista pensare alle relazioni in questi termini? NO. Perché non potete continuare a versare da una tazza vuota. Avete bisogno di qualcuno che vi aiuti a riempire la vostra tazza quando ne avete più bisogno e che si assicuri che la vostra tazza sia sempre piena.

Non dovremmo avere una relazione con qualcuno perché ci sembra che ci manchi qualcosa o perché ci fa comodo. Dovremmo essere in grado di capire che esistiamo come un tutto e che le relazioni sono quelle cose che rendono la nostra vita più ricca, ma non dovrebbero plasmare interamente la nostra vita e chi siamo.

Quando cominciamo a mettere meno tempo ed energia nelle relazioni che non sono significative, avremo più tempo ed energia per quelle che lo sono. E più tempo ed energia per la relazione più importante di tutte: quella con noi stessi.

EDIT, 06 maggio 2021. Dopo un breve scambio di messaggi con un* follower su Instagram su questo argomento, ho deciso di aggiungere una piccola annotazione. In nessun modo questo post voleva essere offensivo, duro o sconsiderato dei vostri sentimenti e mi dispiace se è venuto fuori così. Ho pensato a cosa scrivere per così tanto tempo e comunque questo post non è venuto fuori nel modo in cui volevo che fosse. Il mio non vuole essere un approccio “tutto o niente” ed è una prospettiva personale dovuta a esperienze personali, alcune delle quali molto recenti. Le relazioni non sono affatto solo in bianco e nero, ma ci sono molte sfumature diverse nel mezzo poiché ogni singola relazione è unica e frutto di dinamiche complesse. Probabilmente avrei dovuto sottolineare di più l’importanza della comunicazione e degli sforzi reciproci per far funzionare le cose in una relazione quando si tiene a qualcuno. Ripeto: non intendevo assolutamente dire che le relazioni debbano essere messe su una scala per misurare se e quanto ogni parte vi contribuisce. MA. Se dopo sforzi e tentativi ci sono ancora asperità e crepe che non possono essere aggiustate, credo che sia diritto di ogni persona allontanarsi da quella relazione se questa risulta essere dolorosa, tossica, difficile da gestire o semplicemente un “lavoro di routine” piuttosto che qualcosa che facciamo per amore. Durante i miei anni all’estero ho visto vecchie relazioni fiorire nonostante la distanza, nuove relazioni sorgere e alcune di esse svanire o, inevitabilmente, cambiare. Alcune di queste sono state una conseguenza naturale della mia scelta di trasferirmi e dei miei cambiamenti di stile di vita (e sì, non mi vergogno di dire che ho perso i contatti con persone cui non avevo molto da ricevere e dare fin dall’inizio) ma alcune sono state molto dolorose e, credetemi, lo sono ancora e lo saranno. Ci sono anche alcuni familiari che hanno deliberatamente scelto di non parlare più con me e tutto questo senza parlarne prima con me (sono passati 2,5 anni ormai) e, considerati tutti i fatti, ho accettato quello che è e sono andata avanti. Nonostante il dolore il disagio e forse, chissà, anche il rimpianto che potrei provare, so che proprio qui in questo momento è così che voglio che siano le mie relazioni. Come ho detto, forse è perché sto facendo un sacco di auto-scoperta ultimamente e lavorando duramente sulla crescita personale, ma sto dando la priorità a me stessa prima di tutto in modo da poter essere migliore per me stessa e per coloro che mi circondano. Spero che possiate capire tutto questo. xoxo, Jen.

Follow:
Share:

Leave a Reply

SUBSCRIBE TO THIS BLOG VIA EMAIL - SEGUI QUESTO BLOG VIA MAIL

Join 329 other subscribers

error: Content is protected !!