Priorities. / Prioritá.

(ENG/ITA) 2022 Log #1.

I promised myself I would do a thousand things in the new year.

To love myself for who I am, accept my limits and flows and embrace them, so that they would feel less wrong, and learn new ways to live with them.

To go back to taking care of this blog as much as I used to do, because over the last couple of years I have neglected it a lot and I’m sorry about it. To go back to doing weekly videos as I used to.

To (maybe) show up a little more on Instagram, considering that for the past year or so I’ve been heavily, almost totally, detached from it.

To finally become a more organized adult instead of one who sometimes has a level of mental confusion that looks like 1000 puzzle pieces scattered all over the living room carpet.

I’ve filled my pockets with New Year’s resolutions in the past but never made much with them.

And I don’t want this year to become a reflection of the previous ones, a bad copy that tastes like reheated soup.

It’s about learning to prioritize. And maybe it’s time to realize that the priority is ME.

After another fruitless and inconclusive date a week ago, I realized that maybe I’m forcing myself to do something that I don’t feel like doing at the moment. So you know what? I’m starting over with myself. I should take the time to heal, for real. To dedicate myself to myself, for real. To feel free and independent, for real. Just a few days ago my dear friend T. told me that I have a full life, whether I’m in a relationship or not. The fact that I feel lonely, sometimes, is not a sufficient reason to put aside what I need right now. And what I need right now is simply ME.

So I ask you, dear friends: when was the last time you made yourself a priority, THE priority? How many times have you sacrificed your physical and emotional well-being to please someone else? I’m not saying it will be easy, but at least let’s try.

If you haven’t seen it yet, I recommend watching my latest video. Here I’ve collected thoughts on how I plan to “restart” this year, without self-imposed obligations disguised as “resolutions” for the new year.

Rather a list of priorities to focus on, if you will. At the center of which is me.

If you want, I look forward to hearing which ones are your priorities.

_______________

Diario di bordo 2022, capitolo 1.

Mi ero ripromessa di fare mille cose nell’anno nuovo.

Di volermi bene per chi e come sono, di accettare i miei limiti ed abbracciarli, per farli sentire meno sbagliati, ed imparare nuovi modi di conviverci.

Di tornare a curare questo blog con la stessa dedizione di un tempo, perché negli ultimi due anni l’ho trascurato molto, e me ne dispiaccio un bel po’. Di tornare a fare video settimanali, come riuscivo a fare una volta.

Di (forse) farmi vedere un po’ di piú su Instagram, considerando che da un anno abbondante a questa parte me ne sono distaccata in maniera pesante, quasi totale.

Di diventare finalmente un’adulta piú organizzata invece di una che a volte ha un livello di confusione mentale che sembra i 1000 pezzi di un puzzle sparsi ovunque sul tappeto del salotto.

Di buoni propositi per l’anno nuovo in passato mi sono riempita le tasche ma non ci ho mai fatto un gran che.

E non voglio che quest’anno diventi un riflesso dei precedenti, una brutta copia che sa di minestra riscaldata.

Si tratta di imparare a dare delle priorità. E forse é arrivato il momento di capire che la prioritá sono IO.

Dopo un altro date infruttuoso ed inconcludente avvenuto una settimana fa, mi sono resa conto che forse mi sto forzando di fare qualcosa che non mi va di fare al momento. E allora sapete che c’é? Ricomincio da me. Mi prendo il tempo di guarire, davvero. Di dedicarmi a me stessa, davvero. Di sentirmi libera ed indipendente, davvero. Proprio qualche giorno fa la mia cara amica T. mi ha detto che ho una vita piena, a prescindere dal fatto che io sia in una relazione di coppia o meno. Il fatto di sentirmi sola, a volte, non é un motivo sufficiente per mettere da parte ció di cui ho bisogno. E ció di cui ho bisogno adesso, semplicemente, sono io.

Perciò vi chiedo, car* amic*: quando è stata l’ultima volta che avete fatto di voi stessi* una priorità, LA priorità? Quante volte avete sacrificato il vostro benessere fisico ed emotivo per compiacere qualcun*? Non dico che sarà facile ma almeno proviamoci.

Se ancora non l’avete visto, vi consiglio di guardare il mio ultimo video. Qui ho raccolto pensieri su come intendo “ripartire” quest’anno, senza obblighi auto-imposti cammuffati da “buoni propositi” per l’anno nuovo.

Piuttosto una lista di prioritá su cui concentrarsi, se volete. Al cui centro ci sono io.

Se vi va, aspetto di sentire le vostre.

Follow:
Share:

Leave a Reply

SUBSCRIBE TO THIS BLOG VIA EMAIL - SEGUI QUESTO BLOG VIA MAIL

Join 346 other subscribers

error: Content is protected !!
%d bloggers like this: