Letting go of my ideal self. / Lasciando andare il mio sè ideale.

(ENG/ITA) The journey to self acceptance can be hard and painful.

It’s easy to fall into the trap of identifying ourselves too much with our ideal self rather than our real self.

From the day we are born, we receive hundreds of stimuli every day. We develop strenghts and weaknesses, unique features, preferences and so on. We make all sorts of experiences and we learn from them. We adapt and grow as we go on with our lives and become older. We gather wisdom based on the things we experience, learn, do, see. Each one of us grows and evolves to become a unique person with their own features.

If who we are is aligned with or close to who we want to be, our level of well-being will be high. Wanting to change and to aim to be our best version of ourselves is healthy. But what happens when the gap between who we are and who we desire to be is too big and it causes us anxiety and frustration?

Ideal Self vs. Real Self

First of all, let’s clear things up a little.

The real self is who we actually are.

The ideal self is who we want to be. It is an idealized version of ourselves based on what we have learned from our parents or others, the messages that society promotes, what we admire in others, what we wish for ourselves and we think is our best interest.

It’s important to clearly separate the two and distinguish between them. Because what can happen is that, in the attemp of pursuing our ideal self too much and identifying ourselves too much with it, we might lose sight of who we really are. And we might even beat ourselves up in the attempt of reaching that idea of our perfect self that we built up in our head.

Just because we have an idea of ourselves that is close our idea of “perfection” it doesn’t mean that we HAVE TO match it at all costs. Self growth is one thing, an important one actually. But we’re only humans after all and self acceptance and self love is just as important.

Letting go of my ideal self

I’ve spent the majority of my life thinking that I’m not worthy and wishing that I could be someone else or just a different me. It took me (and is still taking me) a long time and lots of effort to come at peace with myself and accepting my limits and acknowledging my strengths. I was born with some assets and gained some along the way, just as I was born with some flaws and I most certainly gained some along the way. This set of assets and flaws make me ME. I am unique and no other person will be just as me.
Accepting ourselves for who we are, or at least trying to do so, doesn’t mean that there is no space left for ambition, self development and personal growth. It means instead that we are valuable both because of our strengths AND our flaws. And that we can be the best version of ourselves thanks to both of those things, without necessarily pursuing an idea of perfection.

For example, amongst other things, my ideal self:

  • meditates and/or does yoga every single day
  • lives in an always tidy space
  • drinks a smoothie every morning and eats exclusively healthy and wholesome foods
  • doesn’t binge eat when stressed out, nervous or sad
  • finds time to write every day
  • exercises regularly (three times a week)
  • reads a book a week
  • uses the sewing machine successfully as a self taught sewer and makes her own clothes and accessories
  • is productive and organized, and manages time and productivity really well
  • is artsy and crafty enough and is really good at doing artistic stuff, learning new artsy skills or doing DIYs and creative things
  • branches out much more careerwise and is a successful freelance content creator, copywriter and marketing expert

Constantly measuring myself with these ideal standards I’ve set in my head and failing at keeping up with them only makes me feel more frustrated. Because every time a simple reminder triggers me to think about any of the things mentioned above, I receive the message that I am not my ideal self and that I’ve failed at it, yet again. For example, every time I see my unused sewing machine sitting in its box in a corner of my studio, I remind myself of having “failed” at it. I have now accepted that I tried it and it didn’t work out as I hoped it would be. To get ride of that burden of failure (and to make some space in my studio), I am willing to sell it to someone who will appreciate it much more and try to find something that works better for me, my lifestyle, my needs, my skills. So that I can move on. Sometimes fancying the idea of doing something it doesn’t mean that we want to do it, for real.

So… what to do?

I’m certainly no expert. But, as someone who is on her own self-acceptance journey, I feel confident enough to share my point of view on this.

The best thing we can do is finding that sweet spot between who we are and who we aim to be. So that we can be our best selves every day, or at least try to. Accepting ourselves for who we are means to be aware of which our strengths are, and work on these so we can push ourselves forward and grow. But is also means to accept our weaknesses, embrace them, so that we can learn how to counterbalance them. For example, I’m not passionate enough about exercising, so I’ve found my own personal way of exercising, which is dancing to my favorite tunes in my studio or simply aim to do 10k steps a day. Or, I’ve turned my “I should meditate every day” into something that suits me better, which is my morning brain dump.

Obsessing too much over some ideal self is just as counterproductive as thinking that once we achieve “that goal”, we’ll be happy. It’s all about learning to love ourselves for who we are, come at peace with it and try to be our own best selves based on who we really are.

Pobody’s nerfect anyway (see the pun here? ;D ).

So there. I officially let go of all my perfect ideal selves and try to focus on my real self, which is enough and worthy just as it is. I let go of meditation-me, of self-thaught-sewer-me, of arsty-crafty-me, of healthy-foods-only-me and all other perfect versions of me.

Il viaggio verso l’accettazione di sé può essere difficile e doloroso.

È facile cadere nella trappola di identificarci troppo con il nostro sé ideale piuttosto che con il nostro sé reale.

Dal giorno in cui nasciamo, riceviamo centinaia di stimoli ogni giorno. Sviluppiamo punti di forza e di debolezza, caratteristiche uniche, preferenze e così via. Facciamo ogni sorta di esperienze e impariamo da esse. Ci adattiamo e cresciamo man mano che andiamo avanti con la nostra vita e diventiamo più vecchi. Raccogliamo saggezza in base alle cose che sperimentiamo, impariamo, facciamo, vediamo. Ognuno di noi cresce e si evolve per diventare una persona unica con le proprie caratteristiche.

Se chi siamo è allineato o vicino a chi vogliamo essere, il nostro livello di benessere sarà alto. Voler cambiare e mirare ad essere la migliore versione di noi stessi è sano. Ma cosa succede quando il divario tra chi siamo e chi desideriamo essere è troppo grande e ci causa ansia e frustrazione?

Sé ideale vs. sé reale

Prima di tutto, chiariamo un po’ le cose.

Il vero sé è quello che siamo realmente.

Il sé ideale è quello che vogliamo essere. È una versione idealizzata di noi stessi basata su ciò che abbiamo imparato dai nostri genitori o da altri, i messaggi che la società promuove, ciò che ammiriamo negli altri, ciò che desideriamo per noi stessi e pensiamo sia il nostro migliore interesse.

È importante separare chiaramente le due cose e distinguerle. Perché quello che può succedere è che, nel tentativo di perseguire troppo il nostro sé ideale e di identificarci troppo con esso, potremmo perdere di vista chi siamo veramente. E potremmo anche abbatterci nel tentativo di raggiungere quell’idea del nostro sé perfetto che abbiamo costruito nella nostra testa.

Solo perché abbiamo un’idea di noi stessi che si avvicina alla nostra idea di “perfezione”, non significa che dobbiamo corrispondere ad essa a tutti i costi. La crescita personale è una cosa, una cosa importante in realtà. Ma siamo esseri umani, dopo tutto, e l’accettazione e l’amore per se stessi è altrettanto importante.

Lasciando andare il mio sé ideale

Ho passato la maggior parte della mia vita pensando di non valere nulla e desiderando di poter essere qualcun altro o un altra me stessa. Mi ci è voluto (e mi ci vuole ancora) molto tempo e molti sforzi per riappacificarmi con me stessa, accettare i miei limiti e riconoscere i miei punti di forza. Sono nata con alcuni pregi e ne ho guadagnato qualcuno lungo la strada, così come sono nata con alcuni difetti e sicuramente ne ho guadagnato qualcuno lungo la strada. Questo insieme di pregi e difetti fanno di me ME. Sono unica e nessun’altra persona é e sarà uguale a me.
Accettare noi stess* per quello che siamo, o almeno cercare di farlo, non significa che non ci sia spazio per l’ambizione, lo sviluppo personale e la crescita personale. Significa invece che siamo prezios* sia per i nostri punti di forza che per i nostri difetti. E che possiamo essere la migliore versione di noi stessi grazie a entrambe le cose, senza necessariamente perseguire un’idea di perfezione.

Per esempio, tra le altre cose, il mio sé ideale:

  • medita e/o fa yoga ogni giorno
  • vive in una casa sempre in ordine
  • beve un frullato ogni mattina e mangia esclusivamente cibi sani e genuini
  • non si abbuffa quando è stressata, nervosa o triste
  • trova il tempo di scrivere ogni giorno
  • fa esercizio fisico regolarmente (tre volte a settimana)
  • legge un libro a settimana
  • usa con successo la macchina da cucire (da “sarta” autodidatta) e crea i propri vestiti e accessori
  • è produttiva e organizzata, e gestisce il tempo e la produttività molto bene
  • è artistica e creativa ed è davvero brava a fare cose artigianali o fatte a mano e ad imparare nuove abilità artistico/creative
  • si espande molto di più nella carriera ed è una content creator freelance di successo, copywriter ed esperta di marketing

Misurarmi costantemente con questi standard ideali che ho fissato nella mia testa e non riuscire a mantenerli mi fa solo sentire più frustrata. Perché ogni volta che un semplice promemoria mi fa pensare a una qualsiasi delle cose menzionate sopra, ricevo il messaggio che non sono il mio io ideale e che ho fallito, ancora una volta. Per esempio, ogni volta che vedo la mia macchina da cucire inutilizzata ed inscatolata in un angolo del mio monolocale, mi ricordo di aver “fallito” col mio “sogno” di cucire. Ora ho accettato che ci ho provato e non ha funzionato come speravo. Per liberarmi di quel peso del fallimento (e per fare un po’ di spazio nel mio studio), sono disposta a venderla a qualcuno che la apprezzerà molto di più e a cercare di trovare qualcosa che funzioni meglio per me, il mio stile di vita, le mie esigenze, le mie capacità. In modo da poter andare avanti. A volte fantasticare sull’idea di fare qualcosa non significa che vogliamo farlo, per davvero.

Quindi, che fare?

Non sono certo un’esperta. Ma, in quanto qualcuno che è nel suo viaggio di auto-accettazione, mi sento abbastanza sicura da poter condividere il mio punto di vista a riguardo.

La cosa migliore che possiamo fare è trovare quell’equilibrio tra chi siamo e chi vogliamo essere. In modo da poter essere il nostro miglior io ogni giorno, o almeno provarci. Accettarci per quello che siamo significa essere consapevoli di quali sono i nostri punti di forza, e lavorare su questi per poterci spingere in avanti e crescere. Ma significa anche accettare le nostre debolezze, abbracciarle, in modo che possiamo imparare a controbilanciarle. Per esempio, non ho abbastanza passione e motivazione per l’esercizio fisico, quindi ho trovato il mio modo personale di fare esercizio, che è scatenarmi a casa a ritmo dei i miei brani preferiti, o semplicemente mirare a fare 10k passi al giorno. Oppure, ho trasformato il mio “dovrei meditare ogni giorno” in qualcosa che mi si addice meglio, che è il mio brain dump mattutino.

Ossessionarsi troppo su un qualche sé ideale è controproducente quanto pensare che una volta raggiunto “quell’obiettivo”, saremo felici. Si tratta di imparare ad amare noi stessi per quello che siamo, farci pace e cercare di essere il nostro miglior io in base a chi siamo veramente.

Anche perché, pessuno é nerfetto.

Ecco. Lascio ufficialmente andare tutti i miei perfetti sé ideali e cerco di concentrarmi sul mio vero sé, che è abbastanza e degno così com’è. Lascio andare il mio io yogi giornaliero, l’io della sarta autodidatta, l’io dell’artista-artigiano, l’io dei solo cibi sani e tutte le altre versioni perfette di me.

Follow:
Share:

Leave a Reply

SUBSCRIBE TO THIS BLOG VIA EMAIL - SEGUI QUESTO BLOG VIA MAIL

Join 346 other subscribers

error: Content is protected !!
%d bloggers like this: