The Planet is trying to tell us something. And we should start listening.

(ENG/ITA) What is going on in the world right now almost seems unreal. As if we were sitting at the movies snacking on popcorns while watching a film about a pandemic threatening the world: news talking incessantly about it, empty shelves at the grocery stores and people running here and there to hoard as much as possible before locking up in quarantine, thousands of people dying and many more getting infected, everything shut down and closed and no one to be seen around. I imagine someone like Will Smith or Lucy Liu for the main role and, just when everything seems to be lost forever and the entire future of the world seems to be over, the hero saves the day again and the destiny of the whole humankind is safe.
Exept for the fact that we are the ones starring in this movie and this ain’t a movie, it’s real life. And COVID-19 is just the tip of the iceberg in a world that, if you ask me, already has many problems we should talk about and do something about.

Climate change being one of them, the biggest and scariest of all. And alongside with that air pollution, plastic pollution, animal agricolture, fast fashion, famine, poverty, gender inequality, over-production and over consumption, species extinction, wars, racism, women harassment and abuse, LGBTQI discrimination, corruption, food waste, social injustice, just to name a few. But because this virus has immediate consequences, consequences that not only escalate really easily and quickly, but might affect potentially EVERYONE in one way or the other, people take it as THE current very big threat. Almost every single country in the world has reported cases of people infected with COVID-19. Even rich developed and privileged countries, those who are the first making the biggest damages to the planet and always or almost always getting away with it, are dealing with the consequences of this virus. This not only means taking drastic decisions such as completely shutting down entire countries and putting people to quarantine to protect the ones at risk and reduce the amount of infections, but it also means that a lot of people are dying, hospitals are overflowing with sick people, the medical personnel is insufficient and has to work exhausting shifts to barely keep up with the amount of work, and resources are overall getting lower and lower. It is going to take months if not years to recover from all of this. Many small businesses are not sure if they’re going to survive the month, many people around the world have seen dear ones die and couldn’t even properly say goodbye to them, many more people will have to face difficulties, insecurities and financial crisis and entire systems have to be rearranged and reorganized. And this is scary.

Please do not take this the wrong way, but lately I have been thinking that maybe the Planet is trying to send us a message. To make us think about what we have done, how badly we have been acting as human population, how we have abused of our Earth, and how we, as global human population, have mostly been unable to cooperate for our own mutual and common good and for the good of the planet. Because apparently profit is more important than being just and being kind. Because our own personal good is better than the one of our own neighbor. Because we are stuck in this “culture and attitude of the disposable” where EVERYTHING we don’t like can easily be erased and replaced as if nothing ever happened.

It’s extremely sad to think that we needed something this bad and huge like a pandemic to be reminded of what sense of community means. Of what does it mean to take care of the weaks, the marginalized, the ones who are at risk. Of being kinder to one another. Of offering help and feeling like, if we stay united, we can survive everything and things will be fine. Of being able to make small significant steps towards a mutual goal. Of sacrificing our own good for the benefit of the whole group. Of what does it mean to think of, act as and be the change we want to see in the world. Of creating a sense of community and make our best to make it thrive.

Unless we start acting and thinking as a selfless community, there won’t be any future. Life is fragile and unless we do everything we can to protect it, borders and profits won’t matter in the big scheme of things.

With this post I do not intend to create anxiety or cause you pain, discomfort or disrespect you in any way. I just wanted to let things out and try to find some sense in everything that is currently happening, with the sincere hope that this beautiful, strong sense of solidarity, community, kindness and mutuality won’t magically disappear when things will be back to normal. Now, more than ever, we need to keep in mind that every action, even the tiniest, has an impact, for us, those around us and the planet. It is our duty to make smart responsible choices that we can all benefit from. Because

We don’t have to engage in grand, heroic actions to participate in the process of change. Small acts, when multiplied by millions of people, can transform the world.

Howard Zinn

Stay home as much as possible to #flattenthecurve and preserve the health and well being of those around you. Support small local businesses if you can (they need us more than ever right now). Call loved ones and tell them how much they mean to you. Offer help to your neighbors. Leave a nice comment on social media. Share positivity. Savour the little things of life as if you were discovering them for the very first time. Do what you can. Every little bit helps. BE THE CHANGE YOU WANT TO SEE.

I’ll talk to you soon. Take care!
Jen

source: Unsplash

Quello che sta succedendo nel mondo in questo momento sembra quasi irreale. Come se fossimo seduti al cinema sgranocchiando popcorn mentre guardiamo un film su una pandemia che minaccia il mondo: notizie che ne parlano incessantemente, scaffali vuoti nei negozi di alimentari e persone che corrono qua e là ad accaparrarsi il più possibile prima di chiudersi in quarantena, migliaia di persone che muoiono e molte altre che si infettano, tutto chiuso e nessuno in giro. Immagino qualcuno come Will Smith o Lucy Liu per il ruolo principale e, proprio quando tutto sembra perduto per sempre e l’intero futuro del mondo sembra finito, l’eroe salva di nuovo la situazione e il destino dell’intera umanità è salvo.
A parte il fatto che siamo noi i protagonisti di questo film e questo non è un film, è la vita reale.E COVID-19 è solo la punta dell’iceberg in un mondo che, secondo me, ha già molti problemi di cui dovremmo parlare e fare qualcosa al riguardo.

Il cambiamento climatico è uno di questi, il più grande e spaventoso di tutti. E, oltre a questo, inquinamento dell’aria, inquinamento da plastica, agricoltura animale, fast fashion, carestia, povertà, disuguaglianza di genere, sovrapproduzione e consumo eccessivo, estinzione di sempre più specie, guerre, razzismo, molestie ed abusi nei confronti delle donne, discriminazione LGBTQI, corruzione, spreco di cibo, ingiustizia sociale solo per citarne alcuni. Ma poiché questo virus ha conseguenze immediate, conseguenze che non solo si intensificano molto facilmente e rapidamente, ma che potrebbero colpire potenzialmente TUTTI in un modo o nell’altro, la gente lo prende come LA grande minaccia attuale. Quasi tutti i paesi del mondo hanno segnalato casi di persone infettate dal COVID-19. Anche i paesi ricchi sviluppati e privilegiati, quelli che sono i primi a fare i maggiori danni al pianeta e che sempre o quasi sempre la fanno franca, stanno affrontando le conseguenze di questo virus. Questo non significa solo prendere decisioni drastiche, come chiudere completamente interi Paesi e mettere in quarantena le persone per proteggere quelle a rischio e ridurre la quantità di infezioni, ma significa anche che molte persone stanno morendo, gli ospedali traboccano di malati, il personale medico è insufficiente e deve fare turni estenuanti per stare a malapena al passo con la quantità di lavoro, e le risorse sono nel complesso sempre più basse. Ci vorranno mesi, se non anni, per riprendersi da tutto questo. Molte piccole imprese non sono sicure di sopravvivere al mese, molte persone in tutto il mondo hanno visto morire i propri cari e non sono riuscite nemmeno a dir loro addio, molte altre persone dovranno affrontare difficoltà, insicurezze e crisi finanziarie ed interi sistemi dovranno essere riorganizzati e ripianificati. E tutto questo fa paura.

Vi prego di non prenderla nel modo sbagliato, ma ultimamente ho pensato che forse il Pianeta sta cercando di mandarci un messaggio. Per farci riflettere su ciò che abbiamo fatto, su quanto male abbiamo agito come popolazione umana, su come abbiamo abusato della nostra Terra e su come noi, come popolazione umana globale, siamo stati per lo più incapaci di cooperare per il nostro bene comune e reciproco e per il bene del pianeta. Perché apparentemente il profitto è più importante dell’essere giusti e dell’essere gentili. Perché il nostro bene personale è migliore di quello del nostro prossimo. Perché siamo bloccati in questa “cultura e atteggiamento dell’usa e getta” dove tutto ciò che non ci piace può essere facilmente cancellato e sostituito come se non fosse successo nulla.

È estremamente triste pensare che avevamo bisogno che qualcosa di così brutto come una pandemia ci ricordasse cosa significa il senso di comunità. Di cosa significa prendersi cura dei deboli, degli emarginati, di coloro che sono a rischio. Di essere più gentili l’uno con l’altro. Di offrire aiuto agli altri e sentirsi come se, se restiamo uniti, possiamo sopravvivere a tutto e le cose andranno bene. Di poter fare piccoli passi significativi, insieme, verso un obiettivo comune. Di sacrificare il nostro bene per il bene di tutto il gruppo. Di cosa significa pensare ed essere il cambiamento che vogliamo vedere nel mondo. Creare un senso di comunità e fare del nostro meglio per farla prosperare.

Se non iniziamo ad agire e a pensare come una comunità altruista, non ci sarà alcun futuro. La vita è fragile e se non facciamo tutto il possibile per proteggerla, i confini tra paesi ed i profitti non avranno importanza nel grande schema delle cose.

Con questo post non intendo creare ansia o recarvi dolore, disagio o mancanza di rispetto in alcun modo. Volevo solo far uscire le cose e cercare di trovare un senso in tutto ciò che sta accadendo, con la sincera speranza che questo bellissimo, forte senso di solidarietà, comunità, gentilezza e mutualità non scompaia magicamente quando le cose torneranno alla normalità. Ora più che mai dobbiamo tenere presente che ogni azione, anche la più piccola, ha un impatto, per noi, per chi ci circonda e per il pianeta. È nostro dovere fare scelte intelligenti e responsabili di cui tutti possiamo beneficiare. Perché

Non dobbiamo intraprendere azioni grandiose ed eroiche per partecipare al processo di cambiamento. I piccoli atti, se moltiplicati per milioni di persone, possono trasformare il mondo.

Howard Zinn

Rimanete a casa il più possibile per #appiattirelacurva e preservare la salute e il benessere di chi vi circonda. Sostenete le piccole imprese locali se potete (hanno più che mai bisogno di noi in questo momento). Chiamate i vostri cari e dite loro quanto significano per voi. Offrite aiuto ai vostri vicini.Lasciate un bel commento a qualcuno sui social media. Condividete positività. Assaporate le piccole cose della vita come se le scopriste per la prima volta. Fate quello che potete. Ogni piccolo aiuto è utile. SIATE IL CAMBIAMENTO CHE VOLETE VEDERE.

A presto. Prendetevi cura di voi.
Jen

Follow:
Share:

Leave a Reply